AWARD JEAN THIRIART

AWARD JEAN THIRIART

Vision Ottica AWARD 

Ottobre 2015

 

Milano "Bicocca"

Facoltà di Ottica & Optometria.

 

Voglio innanzitutto ringraziare l’organizzazione di questo Award per avermi dato, per la seconda volta, l’opportunità di scrivere due parole su uno dei personaggi che hanno reso possibile l’Optometria in Italia e quindi anche la vostra stessa presenza in questa facoltà.

 

Poiché credo che conoscere le proprie origini e la propria storia sia indispensabile per affrontare il proprio futuro (il futuro, si dice, è di chi ha un grande passato) ne approfitto per parlarvi brevemente non solo del personaggio, anche se quello a cui è stato dedicato questo Award, Jean Thiriart, ha fatto per la professione più di chiunque altro  in Europa, ma anche per cercare di passarvi dei  piccoli scampoli  di storia della ns. e vs. professione.

 

Tutto comincia il 1° Luglio del 1967 quando a Roma viene firmato il trattato che, unificando le tre Comunità Europee CEE, EURATOM e CECA diede vita a un unica COMMISSIONE e ad un unico CONSIGLIO di cui, uno dei quattro pilastri, è la “libera circolazione delle persone” e pertanto l’armonizzazione delle professioni tra cui quella dell’Ottico. 

 

Si dell’Ottico perché, con buona pace di figli dei ferrovieri, ai quali non ho mai nemmeno lontanamente pensato di negare ne l’insegnamento dell’Optometria ne il suo esercizio, resta il fatto storico e appurato che l’Optometria proviene dal mondo degli Ottici che allora, come oggi, sono regolamentati da una Legge del 1928 con regolamento del 1931. 

 

Peraltro l’unica legge presentabile a quei tempi. 

Della legge Inglese se ne sapeva poco e in ogni caso l’Inghilterra che non era rappresentata ne a Bruxelles ne a Strasburgo, non aveva nessuna intenzione di entrare nel MEC e comunque De Gaulle non ce la voleva. (inoltre al ministero non si parlava, ne si parla Inglese).

 

Sulla legge Francese era ed è meglio stendere un velo pietoso (Legge Petain del Luglio del 1944 che impediva, e impedisce qualunque esame oggettivo) e quindi assolutamente priva di argomenti da discutere al Comitato Economico e Sociale. 

 

Il Ministero, opportunamente stimolato, pensò d'istituire una commissione per modificare la legge vigente in vista delle omologazioni del MEC. 

 

Nominò a farne parte un ottico che era più interessato alla vendita degli occhiali da sole che all’esame della vista, che peraltro non sapeva fare. 

Cercò quindi di ottenere per se, e per certi suoi colleghi, una specie di monopolio sulla vendita degli occhiali da sole, in cambio della rinuncia a qualsiasi tipo di misurazione, se pur semplice, della vista. 

 

Quindi ne sortì una proposta di legge che, fu presentata alla Camera. 

 

Un Deputato si ricordò di un collega che conosceva un ottico Belga, certo Jean Thiriart, appunto, che si mostrò molto interessato ad  impedire che questo disegno di legge proseguisse il suo iter. 

 

Di qui una prima riunione all’Hotel Manin di Milano e quindi la fondazione e il primo “Congresso Informativo” della Società d’Optometria d’Europa, ad Imperia, il 21 Aprile 1968”.

 

Jean Thiriart, uomo, per molti versi assai discusso, s'ispirò principalmente al pensiero di due filosofi:

Max Weber (1864-1920)

 

L'oggettività conoscitiva della scienza sociale e della politica sociale” e “Studi critici intorno alla logica delle scienze della cultura”

Vilfredo Pareto(1848-1923)

 

 "Trattato di Sociologia" 

 "La stratificazione sociale"

e “La teoria delle elites”.  

Weber rappresentava, per la sociologia borghese, quello che Marx rappresenta per il marxismo.

 

Il primo, vede l’uomo dal punto di vista di una razionalizzazione universale e inevitabile .....

 

Il secondo, dal punto di vista negativo di un alienazione universale ma che si può sovvertire.

 

Dal pensiero di questi due filosofi nacque la “ Societè d’Optometrie d’Europe “ su cui fondò lo sviluppo della nuova professione di “Optometrista” sulla falsa riga di quella preconizzata dalle leggi Inglesi e Americane.

 

Per la prima volta, nelle riunioni della S.O.E , al contrario di quelle delle associazioni nazionali, non si parlava di prezzi e concorrenza ma di professione, di aggiornamento e riconoscimento professionale, di educazione continua, in altre parole, si respirava, come avrebbe detto il Generale, più in alto.

 

La S.O.E. pubblicava una rivista mensile “Photons”.  In ogni numero un editoriale di Jean Thiriart ci suggeriva la linea, sviluppava  la strategia generale che a quell’epoca, era soprattutto quella di trasformare in Optometristi, gli Ottici usciti dalle scuole classiche dove la fisica e il laboratorio erano enormemente preponderanti rispetto all’anatomia, alla fisiologia, alla refrazione , per non parlare dello studio della funzione visiva. 

 

 

Scriveva Jean Thiriart .....

 

“Protezione o elevazione della professione” (editoriale del n° 47 di Photons del Marzo 1971)

 

....La professione di Ottico è in crisi un po dovunque in Europa. 

Di fronte a questa crisi, che s'iscrive nel gran quadro generale della crisi delle classi medie, si possono praticare due politiche: 

prendere una pillola, scavare la propria fossa, ed attendervi una fine certa ritardandola un po ( a ciò porterebbe il protezionismo della professione) 

RIFORMARE I RANGHI con i migliori per “andare oltre” per andare verso un altro statuto professionale e sociale. 

 

Lasciare lo statuto del piccolo commerciante che vende gli occhiali per raggiungere quello della professione liberale che vende la sua competenza.

L’elevazione della professione che propone la S.O.E. implica trasformazioni:

profonde, massicce, rapide. 

 

Profonde, in materia di competenza (Optometria)

 

Massicce, perché al di sotto di una certa soglia critica, nessuna riforma delle strutture sociali può avvenire. 

 

Rapide, se non si vuole essere superati da un oftalmologia, che potrebbe anche uscire dal suo attuale conservatorismo e migliorarsi.  

 

Alcuni  dicono di lasciare fare al tempo. Ma non possiamo aspettare in aeternum l’arrivo dei "Nostri". 

Ne che la professione si crei miracolosamente e produca le necessarie strutture universitarie come .... sarà indispensabile creare nel futuro.

( Questo, preconizzava Jean Thiriart nel 1971.....44 anni fà )

 

Gli effettivi devono essere creati IMMEDIATAMENTE. 

Per effettivi intendo gli Ottici attuali da trasformare in Optometristi.

 

Tutti i programmi d’insegnamento post-scolastico, tutti i seminari della Società d’Optometria d’Europa mirano a questo obbiettivo. 

Lo sforzo finanziario e organizzativo del “Corso di Montreal” per esempio, supera ogni immaginazione. Ed è condotto in sei lingue diverse......

 

Dalle parole si passò immediatamente ai fatti:

 

Oltre cento Corsi di Aggiornamento (C.E.C.O): Continuing Education Courses in Optometry) molti, ripetuti in varie lingue.

 

Centinaia e centinaia di Monografie

 

Corso enciclopedico di Optometria  detto “ Corso di Montreal”.

 

La traduzione dei più importanti tomi dell’Optometria mondiale:

 

dall’ ANALISI VISIVA” di Leo Manas a “LE AFFEZIONI OCULARI “ di James Forrest. 

Da “L’OCCHIO di Jorg Trotter alle “ ANOMALIE BINOCULARI” di John R.Griffin.

 

Per non parlare degli innumerevoli incontri-conferenze e dei 26 Prestigiosi Congressi Annuali nelle più importanti capitali Europee più alcuni “Study Trip” negli U.S.A. che ci permisero di toccare con mano quanto da noi auspicato in Europa.

 

Quello che con fatica state realizzando anche qui alla “Bicocca”.

 

L’Optometria è cosa per uomini liberi. 

 

Per menti libere, aperte, pronte a valutare ed eventualmente adottare l’inimmaginabile.

 

Dopo centinaia di anni di favole di occhi troppo lunghi e troppo corti come avremmo potuto accettare le teorie visiogeniche sulla centralità dell’aspetto visivo che discende direttamente dal sistema viscerale, scheletrico e corticale e che da questi sistemi dipenda rispettivamente l’elaborazione dei tre processi 

 

Emmetropizzazione

Binocularizzazione

Identificazione

 

Se manterrete libera la Vs. mente e terrete ben presenti le vostre radici, riusciranno forse a frenarvi, mai a fermarvi.

 

Essi sono il passato. Voi il futuro.

 

Steve Jobs diceva:  siate affamati, siate folli!

io, come Jean Thiriart, vi dico:  be free, siate liberi!

Grazie.

Gianni Rehak, Optometrista S.O.E.  

 

Scrivi un nuovo commento: (Clicca qui)

123homepage.it
Caratteri rimanenti: 160
OK Sta inviando...
Vedi tutti i commenti

Commenti più recenti

12.09 | 10:27

Splendido sito, complimenti, e ottica GINOCCHIO garanzia assoluta di professionalità

...
11.04 | 11:08

Buongiorno, potrei gentilmente sapere cosa si deve fare per iscriversi alla S.O.E? Grazie

...
14.02 | 19:17

Sono Marco Ciaroni ,iscritto alla SOE negli anni anni 80 ed ho partecipato al congresso di Bruxelles del Nov. 1987.
Devo molto della mia formazione a voi SOE!

...
05.08 | 18:18

Buon giorno sono il nipote di mia nonna italiana ha il cognome fronzoli suo Võ chiamato Assunpta Frescura ha qualche parentela (google traduttore)
grazie
Kaue

...
A te piace questa pagina
Ciao!
Prova a creare la tua pagina web come me! E' facile e lo puoi provare gratis
ANNUNCIO